logo8b2b2

Alloggi curati nei dettagli, realizzati nel piccolo borgo toscano di Oliveto, una location unica e rilassante, dove storia e natura convivono in piena armonia.

Contatti

(+39) 335 527 2912

info@borgodioliveto.com

via del castello 6 Loc. Oliveto - 52041 Arezzo

SEGUICI SU

  /  Guida Turistica   /  Cosa visitare nei dintorni   /  Aree Termali & Spa

B&B Borgo di Oliveto - Bed and breakfast in toscana

rap-03

Aree Termali & Spa

Intorno alla valdichina è possibile trovare 3 aree termali che offrono piscine calde e trattamenti di vario tipo, ideali per trascorrere una giornata di pieno relax per la cura del corpo.

Le aree termali più famose sono “Terme di Rapolano”, “Terme di San Giovanni” e “Bagni S. Filippo”, tutte raggiungibili in massimo 30 minuti di auto (vedi descrizioni sotto).

Gli amanti della cura del corpo possono trovare anche vari centri Spa diffusi in tutto il territorio aretino, i più famosi della zona sono:  Sumani Spa (ad Arezzo), Spa dell’Hotel Il Gentiluomo (a Viciomaggio), Victoria Spa (a Badia al pino) e il più grande Cortona Resort&Spa (a Cortona).

Gli appassionati dei bagni caldi e dei trattamenti termali possono trovare, a Rapolano terme, due grandi centri termali ideali per passare una giornata di relax e godere delle proprietà benefiche delle acque termali.

Il centro di “L’antica Querciolaia” è quello più grande dei due ed offre varie piscine termali e una grande varietà di trattamenti e massaggi.

L’ altro centro, “Terme di San Giovanni”, è un po’ più piccolo, ma offre un bellissimo panorama sulla campagna circostante e una buona quantità di trattamenti termali.

Gli amanti della natura incontaminata possono trovare a San Filippo uno spettacolo unico. A San Filippo, piccolo paesino del senese, esiste sia un famoso stabilimento termale a pagamento, sia un luogo all’aperto detto “Fosso Bianco” da cui sgorga acqua calda a 38-40 gradi particolarmente ricca di minerali, dove è possibile immergersi gratis tra la natura e il bosco che le circonda.

Il Fosso bianco si trova facilmente entrando in paese, le indicazioni non mancano. Dopo una piccola discesa a piedi nella pineta ci si imbatte subito in alcune pareti bianche, calcaree: è il primo segno dell’approssimarsi delle vasche. Dopo questa prima parete si trova un fiumiciattolo, superato il quale si può scendere verso la “Balena bianca” ed il “fosso bianco” oppure salire verso destra trovando le prime 2 pozze di acqua calda (poco conosciute e quindi meno affollate!). Scendendo, dopo poco più di 5 minuti di cammino si incontra uno spettacolo della natura: una parete rocciosa completamente ricoperta di calcare con 3-4 vasche naturali di acqua calda e relative cascatelle.

Naturalmente le vasche sono spesso piene di gente (sono pur sempre terme gratis…), per cui per evitare ressa conviene andare la mattina presto nei weekend, oppure durante la settimana (per chi può!).

Riferimenti online:

Posizione

Post a Comment

diciannove − quindici =

You don't have permission to register